Comune di Castelluccio Valmaggiore(Fg) - Sito Istituzionale

  • Domenica, 21 luglio 2019

Sei in: Homepage / Notizie / AqP RILEVA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PER 9 COMUNI DAUNI

Notizie

Dettaglio notizia

 

AqP RILEVA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PER 9 COMUNI DAUNI

AqP RILEVA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PER 9 COMUNI DAUNI Categoria: Altro
Data: 14/02/2013 ore 11:49:57

Era da tempo che lo si chiedeva e alla fine qualcosa di buono s’è partorito: il servizio idrico integrato passa all’AqP (acquedotto pugliese) e questo consentirà ai comuni di avere un referente territoriale per l’approvvigionamento.

La firma ieri mattina a Bari con la sottoscrizione delle convenzioni tre la Regione, l’Autorità idrica pugliese e l’acquedotto pugliese e i comuni di Alberona, Bovino, Cagnano Varano, Carlantino, Castelluccio Valmaggiore, Celenza Valfortore, Celle San Vito, Panni e Volturinoi, finalizzato a garantire il passaggio della gestione del servizio idrico integrato ad Acquedotto pugliese, in conformità con quanto disposto dalle normative vigenti.

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore alle opere pubbliche e protezione civile, che ha ringraziato le strutture regionali, dell’autorità idrica pugliese e di acquedotto pugliese perché finalmente da oggi il servizio idrico integrato di tutti i 258 comuni della Puglia sarà gestito da acquedotto pugliese, così come previsto dalla legislazione vigente.

“L’operazione che stiamo compiendo è storica e permetterà di mettere assieme tutti i comuni, anche quelli ancora decentrati rispetto al territorio regionale, come quelli del Subappennino Dauno, in un sistema virtuoso secondo cui una qualsiasi problematica legata al servizio idrico integrato di un paesino, diventa necessariamente anche degli altri comuni. Unire la gestione significa rendere simili tutti gli utenti e i loro diritti, essendo pagatori ed usufruitori della tariffa. Al di là degli interventi che ci accingiamo a realizzare in questi territori, ringrazio i rappresentanti dei comuni coinvolti per aver saputo cogliere il valore di prospettiva e la ragione che sovrintende il protocollo d’intesa che stiamo sottoscrivendo”. Il direttore d’area ha spiegato che gli interventi complessivi che saranno realizzati grazie alla sottoscrizione dei protocolli d’intesa ammontano a 36 milioni di euro, una parte importante della prima delibera Cipe che l’amministrazione ha inteso orientare in questa direzione. Il direttore dell’autorità idrica pugliese ha detto che abbiamo in programma importanti interventi di infrastrutturazione in favore dei territori del subappennino Dauno, che senza questo protocollo non possono essere messi in atto”

Alla cerimonia di sottoscrizione hanno partecipato, altre all’Assessore, al Direttore d’area e al Direttore generale dell’Autorità Idrica, il dirigente del servizio tutela delle acqueed il responsabile dell’unità territoriale di Foggia dell’AqP.

Fonte: La gazzetta del mezzogiorno di Sabato 2 febbraio 2013